Errore
  • JCacheStorageFile::_deleteFolderJLIB_FILESYSTEM_DELETE_FAILED
  • JCacheStorageFile::_deleteFolderJLIB_FILESYSTEM_DELETE_FAILED
  • JCacheStorageFile::_deleteFolderJLIB_FILESYSTEM_DELETE_FAILED
  • JCacheStorageFile::_deleteFolderJLIB_FILESYSTEM_DELETE_FAILED
  • JCacheStorageFile::_deleteFolderJLIB_FILESYSTEM_DELETE_FAILED
  • JCacheStorageFile::_deleteFolderJLIB_FILESYSTEM_DELETE_FAILED
  • JCacheStorageFile::_deleteFolderJLIB_FILESYSTEM_DELETE_FAILED
  • JLIB_FILESYSTEM_ERROR_PATH_IS_NOT_A_FOLDER_FOLDER
  • JLIB_FILESYSTEM_ERROR_PATH_IS_NOT_A_FOLDER_FILES
A+ A A-

Narciso Forbice - Storia di Bullismo

storia-di-bullismo

Sei un bullo se...
"Maltratti, prendi in giro i più deboli", "Non hai avuto un'infanzia felice e ora te la prendi con gli altri", "Non capisci come soffrono gli altri per colpa tua", "I tuoi genitori non ti hanno rispettato", "Ti fai prendere dalla rabbia o dalla vendetta", "La tua unica amica è la violenza", "Usi la forza quando non serve"
(i bambini della classe V A)

Storia sul bullismo in età scolare, ispirata al testo di Philip Ridley diventata oggetto di tesi di Laurea per la Facoltà di Scienze dell'Educazione, è nata a quattro mani e proseguita grazie alla collaborazione delle insegnanti, dei bambini e delle persone che hanno rinforzato l'importanza di affrontare un tema come questo.

Il bullismo, ormai diffuso anche nella scuola primaria, tocca un gran numero di bambini che, vittime e carnefici, vivono da soli questa realtà.
Per quanto ci risulti difficile crederlo i bambini possono, e spesso lo fanno, mettere in atto azioni intenzionalmente mirate ad arrecare sofferenza.

Il bullismo si genera all'interno di gruppi per desiderio di affermazione e riconoscimento; è un problema che racconta di un vuoto educativo che ci ricorda la fragilità e la debolezza dei legami, in una società carente di autorevolezza e credibilità in chi ha responsabilità educativa.

A scuola, il role play e il teatro diventano uno strumento efficace per comprendere in pieno la portata di questo fenomeno, le emozioni che esso può scatenare e il modo di affrontarle; solo così si può rinascere e si può scoprire che la propria personalità è ciò che conta, il coraggio di essere ciò che si è e la volontà di aiutare gli altri a scoprirlo portano inevitabilmente a risvolti positivi.

Come cita il testo della canzone finale Il mio specchio:

"Quando perdi la strada, se nessuno ti sente
prova a darmi la mano, sarà tutto più semplice
Non mi chiedere scusa, le parole non servono
un sorriso, un abbraccio è tutto quello che cerco
Basta ammetterlo quando per paura o chissà
hai scordato il calore della serenità
La mia forza è nei sogni nel vederli reali
nel sapere che in volo ho solo le mie ali
Ma se un colpo di vento prova a spingermi giù
so che c'è il mio riflesso, e il mio specchio sei tu"

I bambini della classe V A della scuola G. Mazzini presenteranno "Narciso Forbice – Storia di bullismo" il 4 giugno 2014, alle ore 18.00, presso il Teatro della Parrocchia Gesù Redentore, in Corso Siracusa interno 213 a Torino.

eMotiKO 300 x 250 Nuovi