Errore
  • JCacheStorageFile::_deleteFolderJLIB_FILESYSTEM_DELETE_FAILED
  • JCacheStorageFile::_deleteFolderJLIB_FILESYSTEM_DELETE_FAILED
  • JCacheStorageFile::_deleteFolderJLIB_FILESYSTEM_DELETE_FAILED
  • JCacheStorageFile::_deleteFolderJLIB_FILESYSTEM_DELETE_FAILED
  • JCacheStorageFile::_deleteFolderJLIB_FILESYSTEM_DELETE_FAILED
  • JCacheStorageFile::_deleteFolderJLIB_FILESYSTEM_DELETE_FAILED
  • JCacheStorageFile::_deleteFolderJLIB_FILESYSTEM_DELETE_FAILED
  • JLIB_FILESYSTEM_ERROR_PATH_IS_NOT_A_FOLDER_FOLDER
  • JLIB_FILESYSTEM_ERROR_PATH_IS_NOT_A_FOLDER_FILES
A+ A A-

Crocetta di Torino, il quartiere

 

Chiesa Parr.le Crocetta-Torino

La Crocetta (la Crosëtta in piemontese) è un quartiere della I Circoscrizione di Torino, situato poco più a sud rispetto al centro storico cittadino ed è storicamente una delle zone residenziali di maggiore prestigio.

Cominciò a svilupparsi a partire dal XVII secolo intorno all'omonima chiesa della Crocetta ed ha raggiunto il suo massimo sviluppo urbanistico tra l'Ottocento e il Novecento mantenendo la fama di quartiere aristocratico.

Quotidianamente vi si svolge un noto mercato all'aperto che è diventato meta di shopping per molti torinesi e comprende al suo interno anche due borghi dall'identità distinta e ben definita: San Secondo e Santa Teresina.

È delimitato:

  • a nord da Corso Vittorio Emanuele II
  • a est da Corso Turati e da Via Sacchi
  • a ovest da Corso IV Novembre, Corso Mediterraneo e Corso Castelfidardo
  • a sud da Corso Monte Lungo, Corso Lepanto e Corso Bramante

(Fonte: wikipedia)

 

Borgo San Secondo

La zona compresa fra Corso Re Umberto e la Stazione di Porta Nuova è conosciuta come Borgo San Secondo ed è stata edificata a partire dal 1850 dopo lo spostamento della Piazza d'Armi ad ovest di Corso Re Umberto. Il nome del borgo si deve all'omonima chiesa, costruita per volontà di san Giovanni Bosco e consacrata l'11 aprile 1882.

Santa Teresina

La zona compresa fra i corsi Einaudi, Duca degli Abruzzi e Mediterraneo è conosciuta come Santa Teresina ed è stata edificata a partire dal 1890 (le sue prime costruzioni sono le case popolari della Martini & Rossi e risalgono al periodo compreso fra il 1889 ed il 1896).

La zona pedonale

 
La Crocetta, corso Galileo Ferraris e, sullo sfondo, monumento al re Vittorio Emanuele II
 
Facciata di abitazione in via Lamarmora

In origine quest'area era adibita a scopi diversi tra cui quella di adunate militari. Sino al 1909, dopo Piazza San CarloPiazza Vittorio Veneto e San Secondo, la nuova Piazza d'Armi era compresa nell'area dell’attuale isola pedonale, comprendendo anche lo spazio occupato attualmente dal Politecnico dove, nel 1910, venne costruito il gigantesco Stadium. Quest'imponente impianto sportivo polivalente, capace di ben 70.000 spettatori, venne poi abbattuto alla fine degli anni Quaranta.

Nella zona antistante il Politecnico, verranno quindi tracciate le tre nuove direttrici, ovvero: Corso Duca d’Aosta, Corso Trento e Corso Trieste. Qui tra il 1903 e il 1937 viene realizzata la prestigiosa area residenziale che comprende prestigiosi edifici progettati dai maggiori protagonisti dell’architettura dell’epoca (Pietro FenoglioGiuseppe Momo), caratterizzati da stilemi architettonici ecletticineogotici e Liberty.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Liberty a Torino.

Quest'area, racchiusa tra Corso Einaudi, Corso Duca degli Abruzzi, Corso Montevecchio e Corso Galileo Ferraris, è stata resa pedonale il 9 agosto 1974 dalla giunta del sindaco Giovanni Picco, non senza contrasti e discussioni con i residenti. [1]

Servizi

 
Tipica casa del quartiere

Grazie alla sua vicinanza al centro della città, vi hanno sede numerose attività commerciali tra cui il noto mercato e sedi di alcune istituzioni pubbliche quali:

 

 

eMotiKO 300 x 250 Nuovi